Primo PaneBlitz a Colle Villa

Già dal Sabato avremo impastato il pane. Domenica 22 lo cuociamo nel forno a Legna di Colle Villa
Mentre cuoce facciamo i biscotti e la pasta.
Forse anche la pizza e con il calore residuo la cuociamo e ce la mangiamo. A seconda di quanti siamo compriamo la farina. Ognuno poi si porta via le sue pagnotte.
Pranzo come al solito, ognuno porta qualcosa, posate e bicchiere incluso.

13221521_10154905953094966_396130814777703434_n 13237649_10154905953654966_4150902149349179334_n 13237650_999925213418730_2163554416297937911_n 13241117_999925390085379_1786427884820150990_n 1625784_999925276752057_6887391139431707099_n13245361_10154905953359966_1891785356543844868_n 13254195_10206248602069653_8015041623126071386_n 13255989_999925346752050_2619852926356522394_n 13266052_10206248602749670_8870021763237079002_n 13266078_999925303418721_7931683652087710759_n

Paneblitz a Colle Villa.

A parte le prime tre pagnotte, che io ho carbonizzato in parte, le altre dieci,, curate da altri son venute bene.
Così come le pizze e le torte di verdura.
Erano buone le fave, le olive e il pecorino.
I vini caserecci e quelli bio comprati,
Eran buonissime anche le uova ripiene, l’hummus, l’insalata di tonno, le verdure , l’insalata, poi le altre pizze, le marmellate di visciole, gli strudel….

Insomma, siamo stati a tavola dalla mezza, fino alle sei.

Margarita ci ha spiegato il movimento di opinione, la filosofia e i primi risultati dell’economia del bene comune. Molto bello.

Fabrizio ci ha spiegato come l’Italia sia registrata come una spa al Sec, e tutto ciò che ne consegue.
Come dichiararsi singolarmente Sovrani.

Giornata molto bella.

C’era il sole, dentro e fuori.

Perseguiamo l’armonia, e ce ne tornano i bagliori.

——-

 

“Compagnia”, “compagno”, vengono da cum panis.

Persone con cui hai spartito il pane.

— Se hai qualcosa in più, non alzare il muro, allunga il tavolo —

Lascia un commento